Profili evolutivi della responsabilità in Rete: il ruolo degli Internet Service Provider tra prevenzione e repressione

Si analizzano ruolo e responsabilità degli attori dell’informazione digitale, nonché l’evoluzione che sta segnando il ruolo degli ISP e i profili di responsabilità ad essi imputabili nei confronti dei terzi lesi e danneggiati da condotte riferibili ai clienti utilizzatori del sistema, per loro tramite. Per scongiurare il rischio di una anarchia virtuale diffusa, con l’alibi di una – apparente – abdicazione dei rimedi giuridici, è avvertita l’esigenza di individuare ed applicare efficaci strumenti di prevenzione e repressione dei reati commessi mediante Internet e delle violazioni di diritti patrimoniali e personali. Un intervento di tipo interpretativo – prima ancora che legislativo – risulterebbe risolutorio rispetto alla definizione dei profili di responsabilità sulle piattaforme digitali, sia in termini di prevenzione che di repressione delle condotte illecite. Facendo leva sulla teoria dei nuovi diritti, deve evidenziarsi che il diritto di accesso a Internet non è – ancora – un diritto meritevole di tutela costituzionale e, quindi, deve cedere di fronte al rischio che siano compromessi diritti fondamentali, quali: l’onore, la reputazione, la sicurezza pubblica, la riservatezza, la proprietà intellettuale e la protezione dei minori.

The core of the research is based on the possible actions that should be taken to tackle fake news or hate speech and the most common types of illegal activities carried out on the web, along, with the role and responsibilities of the suppliers of information. There is the need to seize ones attention on the evolution that is marking the role of Internet Service Providers (ISP) and the profiles of liability relating to third parties that could be harmed and damaged by customers misbehaviors while using the Internet. In order to avoid the risk of a widespread virtual anarchy, due to the alibi of an apparent abdication of legal remedies, it is necessary to identify and apply effective tools to prevent and prosecute the crimes committed on the Internet and the infringement of property and personal rights. This research should consider the “principle requiring the legal issues linked to the Internet being regulated by applying the laws in force in similar fields and proper adjustments to the peculiarities, if needed”. This analysis is aimed at showing that an interpretative intervention rather than a legislative one can be a means to define profiles in compliance with the responsibilities of digital platforms, based on the prevention and repression of illegal conduct.

Share this article!

Share.