Processo penale “a distanza” e diritto alla privacy: possibili profili di contrasto

L’articolo analizza le novità normative emergenziali introdotte dal d.l. 17 aprile 2020, n. 18, convertito nella legge n. 27 del 24 aprile 2020, come modificato dal d.l. 30 aprile 2020, n. 28, inerenti alla disciplina del c.d. processo penale a distanza. Ci si sofferma sui potenziali profili di frizione con il diritto alla privacy, che, com’è noto, gode di un robusto statuto di garanzia tanto a livello costituzionale interno, quanto a livello eurounitario e convenzionale. Si svolge in particolare una critica dell’individuazione, a mezzo provvedimento amministrativo del DGSIA del Ministero della Giustizia, degli applicativi Teams e Skype for Business, che determina l’applicabilità del Cloud Act statunitense, con importanti conseguenze negative per il trattamento dei dati giudiziari. Si conclude sottolineando l’insufficienza delle modifiche da ultimo apportate con il provvedimento del DGSIA del 21 maggio 2020 a garantire il rispetto dei fondamentali principi posti a presidio della privacy nel sistema interno e sovranazionale. 

The article analyzes the new emergency regulations introduced by Decree Law no. 18 of 17 April 2020, converted into Law no. 27 of 24 April 2020, as modified by Decree Law no. 28 of 30 April 2020, relating to the regulation of the so-called remote criminal trial. Focus is given to the potential violations of the right to privacy, which enjoys strong protection both under domestic constitutional principles, as well as under CFREU and ECHR provisions. In particular, it is developed a critical assessment of the identification, by means of an administrative provision of the DGSIA of the Ministry of Justice, of the Teams and Skype for Business applications, which determines the applicability of the US Cloud Act, with important negative consequences for the treatment of judicial data. The article ends by highlighting the insufficiency of the changes recently adopted with the DGSIA provision of 21 May 2020 to comply with the fundamental principles of privacy protection in the internal and supranational legal systems./div>

Share this article!

Share.