Nuove reti NGN, l’Agcom definisce le regole

0

L’Agcom ha approvato all’unanimità un documento per la regolamentazione della rete internet di nuova generazione a larghissima banda (“ultrabroadband”), che permetterà la navigazione ad una velocità di 100 megabit a secondo.

Il testo del documento, frutto anche delle indicazioni rivolte all’Authority nei mesi scorsi dal Comitato NGN, sarà presto sottoposto a consultazione pubblica con gli operatori del settore.

Il documento affronta due questioni di particolare rilevanza.

La prima riguarda i servizi di bitstream, ossia la fornitura, da parte dell’operatore di telecomunicazioni dominante nel settore (vale a dire Telecom) di capacità trasmissiva tra la postazione di un cliente e il punto di interconnessione di un altro operatore che intenda offrire la navigazione su banda larga. A questo riguardo, il testo licenziato dall’Agcom prevede che nelle aree dove è presente un’infrastruttura alternativa in banda larga, il bitstream andrà effettuato a prezzi “equi e ragionevoli”; nelle zone in cui non è disponibile un’infrastruttura alternativa in fibra ottica, invece, il fornitore monopolista applicherà all’offerta di bitstream  dei prezzi orientati al costo.

Il secondo aspetto considerato dal documento Agcom concerne l’unblunding della fibra ottica, ossia il riconoscimento ad operatori diversi da Telecom, proprietaria dell’infrastruttura, del diritto ad ottenerne l’affitto, dietro pagamento di un canone, per poter offrire servizi di connessione ai propri clienti: tale offerta avrà inizio a decorrere dal dicembre 2013.

Share this article!

Share.

About Author

Leave A Reply